<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=759293381304996&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Talent Spotlight: Conosciamo Elisa!

Elisa Bellino è un’ influencer italiana con uno spiccato senso estetico e stilistico.

Le forti passioni per la scrittura e per la moda l’hanno portata ad iniziare la sua carriera gestendo un magazine online e, dopo essere diventata mamma, Elisa ha deciso di dare una svolta alla sua vita creando il suo blog-zine (come lo definisce lei stessa) THE LADYCRACY di Elisa Bellino dove parla di moda, bellezza, costume e società. I suoi contenuti sembrano dei veri e propri editoriali e sono il risultato del suo grande senso estetico e della meticolosa attenzione che presta ad ogni dettaglio.

1) Da dove viene il tuo senso estetico e dove trovi l'ispirazione per scattare le tue foto?

Credo che la cultura visiva, nella quale ci troviamo immersi da anni, di per sé non possa gratificare ed esaurire la ricerca estetica di un content creator. Quando si pensa a un contenuto creativo di qualità è importante essere autentici e il più possibile unici. Coltivare l’ispirazione è un esercizio continuo, perché il pericolo dell’omologazione e della saturazione degli immaginari di riferimento è una sfida costante. Il mio senso estetico è in fieri. A tal proposito è innegabile che il fattore culturale immagazzinato negli anni sia un buon punto di partenza, ma come accennavo poco sopra va costantemente arricchito di fantasie e percezioni; queste possono scaturire da una descrizione in un libro, da uno spezzone di un film, da una musica, dalla visita in un museo o da un viaggio che può essere anche un itinerario interiore o semplicemente un vagabondaggio nella mia città.

Fondamentalmente tutto è ispirazione nel mio lavoro, soprattutto quello che non si vede con lo sguardo.

2) Quale direzione seguiresti se non fossi un influencer?

All’università ho studiato comunicazione per cinque anni, pertanto il mio intento è sempre stato quello di affiancare la parte visiva alla scrittura, ma con l’evoluzione del mercato e la rilevanza acquisita da Instagram la situazione si è ribaltata. Nonostante ciò, sono convinta che ci sia ancora tempo per tornare indietro, per frenare il nostro modo di vivere e pensare diventando più responsabili e consapevoli delle nostre azioni a cominciare dal consumo di oggetti e persone per arrivare ad un godimento lento ed etico del nostro tempo libero. Spesso la gente cerca nell’intrattenimento una mera distrazione e lo spaccato della società che esce fuori accendendo la tv o navigando tra i temi più popolari di Google è tragicomico. Ecco,  mi piacerebbe poter credere in un ritorno al pensiero e alla riflessione. Il mio sogno, se non fossi un’ influencer, sarebbe quello di lavorare ad un progetto editoriale basato sul concetto di slow culture in cui poter esaltare i valori positivi dell’umanità, ma anche l’arte e la bellezza da cui siamo circondati.

3) Qual è il libro più stimolante che hai letto?

Non saprei cosa rispondere perché le mie letture hanno l’abitudine di lasciare sempre qualcosa di sorprendentemente ispirazionale. Questo “residuo” immaginifico sedimenta nella memoria e prima o poi riemerge e torna utile. Detto questo, siccome l’ho appena terminato (inizio molti libri contemporaneamente e li concludo dopo diverso tempo) potrei dire “Memorie d’una ragazza perbene” di Simone de Beauvoir. Un’autobiografia femminile di una donna all’avanguardia ed eccezionale, luminosa e ombrosa, ambiziosa e volitiva, irrequieta e spiazzante: una musa nel vero senso della parola.

4) Come ti descriveresti in 3 parole?

Perfezionista, inquieta, sensibile

5) Quale potrebbe essere per te una collaborazione da sogno?

La collaborazione da sogno è quella situazione in cui ti senti stimolata, onorata e appagata nello stesso tempo, ma anche quella che ti lascia libera di esprimere la tua vera essenza.

Il team di Pulse Management è felicissimo di avere Elisa a bordo del proprio roster! Per collaborare con lei potete scrivere a livia@pulse-mgmt.com