<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=759293381304996&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Come sarà la Gen Z alla fine del 2020?

La Gen Z include tutti coloro che sono nati tra la metà degli anni ’90 e l’inizio del 2010: giovani adulti proiettati verso la fine degli studi e pronti al loro ingresso nel mondo del lavoro.

Sono cresciuti in un ambiente digitale, i primi a non aver conosciuto un mondo senza tecnologie, una generazione attiva e connessa in ogni momento della giornata.

Gli Interessi, gli atteggiamenti e le prospettive della Gen Z

La Gen Z è da sempre molto creativa: dagli appassionati di cucina (49%), a quelli di fotografia (43%) e di arte urbana/moderna (28%). Nonostante gli stereotipi, “i giovani adulti” sono tutt’altro che inattivi. Lo dimostra il fatto che il 40% della Gen Z ritiene importante la cura della propria persona, il fitness e l’esercizio fisico. Si evidenzia, quindi, un forte interesse verso l’utilizzo di alimenti e bevande healthy (50%) o di diete alternative (21%), così come la pratica di attività sportive quali la corsa (41%) e la palestra (28%).

Anche il gaming risulta uno degli interessi principali (63%), amato soprattutto dagli uomini. Diversamente, il 66% delle donne mostra uno spiccato interesse per cosmesi e beauty, affermando l’esigenza di distinguersi ed emergere dalla massa. Ogni brand dovrebbe quindi puntare a riflettere il desiderio di unicità chiaramente espresso da questa nuova generazione.

La Gen Z ha uno spirito fortemente imprenditoriale. Giovani adulti ambiziosi, focalizzati sulla carriera e orientati a migliorare il mondo così come loro stessi. Circa il 40% di loro ritiene fondamentale occuparsi dell’ambiente, della comunità e degli altri. Per questo, si aspettano di vedere i propri ideali riflessi nei brand che supportano.

Gen Z e social media

L’utilizzo dei social media da parte della Gen Z è in continua crescita, il 58% dei Gen Z ha infatti dichiarato di averli utilizzati ancor di più nei mesi tra Marzo e Luglio 2020. Rispetto alle piattaforme più tradizionali quali Facebook e Twitter, dall’inizio del 2019, si è registrata una tendenza crescente verso l’utilizzo di piattaforme come Snapchat, TikTok e Instagram.

YouTube rimane, invece, la piattaforma preferita dalla Gen Z a livello globale grazie all’interazione con i vlogger.

Il 42% degli YouTuber della Gen Z guarda i video di vlog o celebrità e circa 86 milioni di utenti si abbonano a video relativi al gaming su YouTube. Mentre, tre utenti su dieci (al di fuori dalla Cina) hanno guardato una livestream di un gioco su YouTube nell’ultimo mese.

Attraverso una vasta varietà di contenuti, le piattaforme “concorrenti” stanno cercando di incrementare l’affinità di questa generazione per il gaming. Un esempio è Twitch, utilizzato dal 15% di Gen Z nell’ultimo mese: al successo di questa piattaforma si può attribuire la decisione di YouTube di chiudere YouTubeGaming nel 2019.

Gen Z e influencer

Come per i brand, la Gen Z mostra una forte propensione verso i profili che si allineano con i loro interessi o che ne introducono di nuovi: quindi, chi crea contenuti dovrebbe prestare particolare attenzione ai feed dei social media.

Il corretto coinvolgimento degli Gen Z sui vari social media, passa attraverso la comprensione dei loro reali interessi. Il pubblico femminile della Gen Z, interessato a beauty e cosmesi, segue infatti le beauty blogger con una probabilità doppia rispetto ad ogni altro utente. In generale, il loro amore per il cinema, li rende più propensi a seguire gli attori (48%), così come la loro indole sportiva le stelle dello sport. Lo stesso vale per i brand: oltre un terzo della Gen Z segue quelli di proprio interesse, mentre circa 1 su 4 segue quelli da cui pensa di acquistare. Ma la “lealtà” della Gen Z può essere molto volubile, conquistata e persa altrettanto velocemente: il 22% afferma di aver smesso di seguire un brand online nell’ultimo mese! Indispensabile, quindi, tenere a mente che la Gen Z risponde bene alle strategie di "infotainment", in modo da soddisfare le richieste di un pubblico così esigente.

Il comportamento d’acquisto della Gen Z

La maggior parte della Gen Z scopre i prodotti attraverso i contenuti presenti sui social media. Ciò significa che contenuti e influencer dovrebbero essere la priorità dei Brand. La Gen Z, infatti, ricerca i prodotti nello stesso modo in cui li scopre, ad esempio attraverso i vlog. Il 28% considera la facilità del checkout come driver d’acquisto e così i brand devono integrare la ricerca del prodotto con il checkout per evitare l’allontanamento del consumatore della pagina e trarne il massimo vantaggio. Altro fattore importante è quello del costo-ricompensa: i principali driver d’acquisto per la Gen Z, infatti, includono la consegna gratuita (54%), sconti degli influencer (43%) e l’accesso a contenuti esclusivi (24%). Per i brand che vogliono attrarre questa tipologia di consumatori, il miglior modo è dimostrare di essere attenti alle loro esigenze: così, la Gen Z sarà pronta ad allinearsi con quei brand che rispecchieranno non solo la loro individualità, ma anche l’attenzione per la sostenibilità ambientale.

Le aspettative della Gen Z cambieranno radicalmente il mondo del marketing. Per questo, l'Influencer Marketing rappresenta una strategia estremamente efficace per costruire il Tuo brand ed il suo sentiment: con la Gen Z dalla tua parte, il potenziale a lungo termine del tuo brand sarà enorme.